Energia solare per l’irrigazione

irrigazione
L’esperienza di Justino Medrano, agricoltore del Valladolid (Spagna). Un impianto, gestito da una app, per tagliare i costi fino all’80%. L’ammortamento in 5-6 anni

L’irrigazione rappresenta uno dei costi principali in agricoltura, soprattutto in determinate aree del Valladolid, dove gli agricoltori praticamente sopravvivono grazie ad essa. Per tale ragione, Justino Medrano e suo figlio Javier hanno deciso tre anni fa di cominciare a installare un sistema di “irrigazione solare” in una parte della loro azienda, a Torrecilla de la Abadesa, per cercare di perseguire un modello commerciale più redditizio.

Medrano dispone di circa 350 ha di terreno irriguo nella provincia di Valladolid, dove coltiva diverse specie, dalla barbabietola alla patata, passando per il mais, il frumento, l’orzo e la colza, oltre al papavero e ad alcune leguminose come il pisello.

I terreni dell’azienda, divisa in più fondi siti in diversi comuni nei pressi di Tordesillas, quali Villavieja del Cerro e Torrecilla de la Abadesa, evidenziano una percentuale di materia organica compresa tra lo 0,8 e l’1. Sebbene i terreni siano essenzialmente sabbiosi, le loro tipologie sono comunque diverse.

Gli interventi colturali in azienda vedono affiancati semina diretta e lavorazione convenzionale, a seconda della coltivazione; la fertilizzazione prevede essenzialmente l’impiego di concime minerale.

Per l’irrigazione Medrano utilizzava una pompa con motore diesel ed elettrico. Tuttavia, come ci spiega Javier, che lavora con suo padre da una decina d’anni, «il costo dell’elettricità è molto aumentato, cosicché abbiamo cercato di individuare un modo più vantaggioso per continuare a produrre».

Così, circa tre anni fa hanno deciso di sperimentare un nuovo metodo d’irrigazione che fosse più conveniente e hanno installato, con l’aiuto dell’impresa Riego Solar, anch’essa del Valladolid, e con la collaborazione dell’Associazione di ricerca per il miglioramento nella coltivazione della barbabietola da zucchero (Aimcra, Asociación para la Investigación de la Mejora del Cultivo de la Remolacha Azucarera), un sistemache utilizza pannelli fotovoltaici, con 67 ha di pivot e irrigazione ad aspersione, per sostituire il precedente impianto.

Alimentazione dal sole

Affinché il sistema fosse praticabile è stata installata una batteria di pannelli solari in uno dei fondi dell’azienda,Questa funge da fonte di energia per il pompaggio dell’acqua fino a un deposito da dove poi viene prelevata.

Questi pannelli fotovoltaici producono corrente continua che viene trasformata in alternata tramite convertitori di frequenza. Questa corrente alimenta la pompa sommersa per l’estrazione dell’acqua la quale, a sua volta, è diretta a un quadro di controllo e che non necessita di batterie.

Leggi l'articolo completo su Terra e Vita 29-30/2016 L’Edicola di Terra e Vita

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome