Fratelli Zecchini: cinque sistemi irrigui e strip till

conservativa
Mirco Zecchini in compagnia del figlio

Mirco
Zecchini insieme al fratello Vittorino conduce la società agricola di famiglia
situata parte nel comune di Spilimbergo e parte nel comune di San Giorgio della
Richinvelda entrambi in provincia di Pordenone.

L'azienda
si estende per oltre a 90 ettari di seminativi, comprende anche un allevamento
di 4000 suini da ingrasso ed un impianto di biogas da250 KW.

L'innovazione
per Zecchini è cominciata 12 anni fa, quando ha
deciso di vendere l'aratro per passare alla minima lavorazione. La
propensione ad innovare è andata in crescendo fino a quando nel 2007 hanno
deciso di costruire il primo impianto di biogas della regione.

Zecchini
ha installato di recente un impianto di subirrigazione a manichetta su 24
ettari di terreno. L'irrigazione infatti ricopre un ruolo fondamentale per
l'azienda, vista la natura ghiaiosa dei terreni della zona; per questo motivo
sono in funzione diversi sistemi irrigui: tre pivot, 2 rotoloni, impianti a
pioggia fissi e l'irrigazione a goccia a manichetta superficiale con ali gocciolanti tra le file del mais.

Questo
sistema è molto valido ed interessante ma ha uno svantaggio non indifferente:
le manichette costano e in più sono usa e getta, pertanto, sotto il profilo
operativo devono essere sostituite ogni anno a causa del loro danneggiamento
aggravato anche da parte di fattori esterni quali, piralide, lepri, ecc.

“Per
risolvere i problemi sopracitati dice Zecchini,
abbiamo pensato di optare per lo strip till cioè la lavorazione del
terreno a bande.; l'idea è quella di
stendere le ali gocciolanti interrandole
di 8-10 cm al centro della fila e lasciarle per diversi anni, in quanto la
lavorazione a strisce viene eseguita con l'ausilio di sistemi a guida
satellitare, installati direttamente sulle macchine operatrici, che consentono di effettuare una semina
precisa, sempre nello stesso punto.

Lo
strip till inoltre ci consente di distribuire il digestato dentro la striscia
lavorata applicando l'attrezzo lavorante
dietro il carro botte con un notevole risparmio di concime e di energia. Le
manichette verranno stese prossimamente (nel mese di maggio, quando il mais
avrà tre quatto foglie), pertanto i risultati di questa prova sarà possibile
averli il prossimo anno. Incrociamo le dita e speriamo bene!

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome