Liste varietali

Piccoli frutti

Liste varietali – Molte le varietà tra i materiali genetici in una coltura ancora in evoluzione

Il lavoro di aggiornamento delle Liste varietali piccoli frutti è proseguito nel 2013 con numerosi inserimenti in osservazione di nuovi materiali genetici e con importanti variazioni tra le cultivar consigliate delle tre specie (lampone, mirtillo gigante americano, rovo).  Permane per tutte le specie la criticità legata all'assenza di genotipi selezionati in Italia (e quindi nelle condizioni pedoclimatiche in cui vengono coltivati), che possano dare un nuovo ed importante impulso all'ulteriore sviluppo della coltura dei piccoli frutti nel Paese, mantenendola al passo con la sempre più forte concorrenza internazionale.

 

Leggermente modificata rispetto all'anno precedente, la Lista Varietale lampone del 2013  mostra variazioni sia per le cultivar unifere sia per quelle rifiorenti. Per le prime sono entrate in Lista 2 novità Neozelandesi, Korpiko e Tadmor che, soprattutto nel Cuneese, hanno rivelato ottime caratteristiche agronomico-commerciali, superiori a quelle di Tulameen. Molto interessante è la loro epoca di raccolta, più precoce (Korpiko) e più tardiva (Tadmor) rispetto alla citata Tulameen.  È stata invece  eliminata Cascade Delight che presenta un elevato disseccamento dei tralci.

 

Per quanto riguarda le cultivar rifiorenti è stata eliminata Sugana mentre è stata mantenuta Heritage che, nonostante alcune problematicità, per la sua rusticità rimane ancora un riferimento per le bifere.

 

Tra le cultivar ancora in corso di osservazione sono state eliminate la unifera Jean d'Orleans (scarsa pezzatura dei frutti)  e la rifiorente Autumn Treasure (raccolta difficoltosa e scarsa shelf life). Per Alpengold, Rubyfall, Saanich e Ukee, invece,  risultano necessari ulteriori rilievi sul comportamento agronomico-qualitativo nei campi delle diverse UU.OO.

 

 Le descrizioni varietali riportate per il mirtillo gigante americano sono frutto del lavoro delle Unità Operative di Trento, Sondrio, Torino, Cuneo e Milano. Le cultivar presentate in lista sono state suddivise in precoci, medie e tardive. Dalla lista è stata eliminata la cv  Brigitta Blue.

Beccaro G.L., Bounous G., Carli C., Draicchio P., Folini L., Giongo L., Giordano R., Granelli G., Mignani I., Ughini V.

Allegati

Scarica il file: Piccoli frutti
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome