Da Limagrain, più densità e efficienza per le radici del mais

La salute e la produttività della pianta sono condizionate anche dallo sviluppo delle radici. Una radice più sviluppata infatti assorbe meglio sia i nutrienti che l’acqua disponibile nel terreno. Ecco come agisce Starcover, l’innovativa tecnologia sviluppata da Limagrain

L’innovativa tecnologia Starcover incrementa la quantità delle radici del mais e ne aumenta l’efficienza. Con Starcover la pianta migliora la produttività in condizioni ottimali oppure affronta, con una marcia in più, gli stress climatici e le carenze nutrizionali, stabilizzando la sua produzione. L’esclusivo processo di applicazione di Starcover è una vera rivoluzione tecnologica perché riesce a mantenere attivi i componenti per oltre 12 mesi.
«L’anno scorso – spiegano gli esperti di Limagrain -, in Itala, abbiamo superato i 10mila ettari coltivati con ibridi di mais LG, trattati Starcover (Tssv2). I risultati hanno confermato i dati degli anni precedenti riducendo l’effetto di un’annata difficile, caratterizzata da alte temperature e assenza di precipitazioni. Il differenziale tra trattato e non è stato superiore agli anni precedenti migliorando la redditività degli agricoltori che lo hanno testato».
L’interazione dei due componenti di Starcover (AgRHO® GSB30 e Rise P) induce la pianta a incrementare la densità delle radici secondarie e la loro architettura. L’azione del Starcover (Tssv2) si esplica in due modalità, riflettendosi sul potenziale di un ibrido:

  • innalzando la produzione quando ci troviamo nelle migliori condizioni;
  • stabilizzando la produzione negli ambienti meno favorevoli entrando nei meccanismi che consentono alla pianta di svilupparsi meglio anche con carenze di disponibilità di elementi nutritivi e acqua.

Ma questa tecnologia fa parte di un più ampio progetto che LG sta sviluppando per ridurre l’effetto delle problematiche agroambientali che impattano sulle performance produttive di un ibrido di mais e in futuro di tutte le colture estensive. Ridurre l’effetto dei fattori limitanti, come stress idrici o nutrizionali, favorisce il miglioramento dell’espressione del potenziale genetico, uniformando la produttività all’interno dell’appezzamento di terreno, anche dove le condizioni pedologiche sono variabili.

Perchè Starcover (Tssv2) produce di più

  • Starcover (Tssv2) migliora lo sviluppo delle radici sia primarie che secondarie.
  • Una radice più sviluppata assorbe meglio sia i nutrienti che l’acqua disponibile nel terreno.
  • Una pianta che assorbe meglio è meglio nutrita ed è anche più vigorosa.
  • Una pianta più vigorosa rimane verde ottimizzando la fotosintesi.
  • Se la fotosintesi è ottimizzata, la pianta produrrà più zuccheri e accumulerà più amido nella spiga aumentando la produzione.
Starcover (TSSV2) ha permesso al mais di affrontare con una marcia in più gli stress elevati della stagione arrivando a produzioni mediamente superiori all’8%. Questo vantaggio si evidenzia sia in alta fertilità che in appezzamenti con medie produttive tra i 110 e i 130 q.li/ha, dove l’effetto di Starcover (TSSV2) è massimo sia in termini assoluti che in percentuale.

AgRHO® GSB30: aumenta la massa radicale della pianta

Il prodotto AgRHO® GSB30 ha ricevuto la certificazione N° 1170288 (French AMM) come “prodotto fertilizzante e supporto della coltura” per la molecola che lo compone (Molecular name: Hydroxypropyl Guar Hydroxypropyltrimonium Chloride.)
Nei giorni subito successivi alla semina il prodotto si diffonde nel terreno formando un alone intorno al seme. Successivamente si modifica l’ambiente con la formazione di un “guscio” di terreno intorno al seme che sta germinando grazie all’umidità disponibile.
La giovane pianta, in risposta a questo atipico ambiente circostante, modifica il metabolismo aumentando il volume delle radici primarie e la densità delle radici secondarie.
Le radici mantengono la stessa architettura sviluppata nelle prime fasi.
Uno sviluppo maggiore dell’apparato radicale, chiaramente visibile nei confronti tra trattato Starcover (Tssv2) e non trattato, permette alla pianta del mais di esplorare una porzione di terreno maggiore. Questo migliora la disponibilità di elementi nutritivi e acqua per la pianta che è in grado di sopportare meglio le condizioni limitanti, non solamente climatiche ma anche di ridotte disponibilità di acqua e fosforo.

 

Rise P: migliora la capacità di assorbimento di acqua e fosforo

Ha ricevuto la certificazione N° 1110014 (French AMM) come “prodotto fertilizzante e supporto della coltura” per il suo componente il Bacillus amyloliquefaciens IT 45.
Il Bacillus amyloliquefaciens IT 45 (Rise P) è un batterio colonizzatore delle radici che instaura una relazione simbiotica: i batteri si insediano nella rizosfera alimentandosi con gli essudati delle radici del mais radici. In cambio, stimolano la crescita radicale mediante la secrezione di metaboliti e la produzione dell’enzima Phytasi, una fosfatasi che rende disponibile per la coltura il fosforo bloccato. Rise P costituisce anche uno scudo protettivo per le radici ed è artefice della produzione di ormoni della crescita (Auxine e Gibberelline).

 

Un innovativo processo di applicazione

La vera innovazione è il processo di applicazione, unico, che grazie a un velocissimo sistema di asciugatura del seme (20 sec), mantiene l’integrità dei due composti in quantità e stabilità nel tempo. Grazie a questa tecnologia applicativa, per la prima volta batteri simbionti possono essere utilizzati per migliorare l’utilizzo delle risorse ambientali da parte della pianta del Mais. Fino ad ora il problema principale era quello di mantenere vivi nel tempo i batteri che, dopo il trattamento del seme ed il confezionamento, perdevano vigore nel periodo che intercorreva tra la lavorazione e la semina in campo (tra i 2 e i 4 mesi).
L’innovativo ed esclusivo processo di applicazione di Starcover (Tssv2) al seme di mais, permette:

  • di avere i composti attivi più vicini al seme per la massima efficienza e stabili in quantità e vitalità nel tempo.
  • di garantire un’alta qualità del seme trattato Starcover (Tssv2) in termini di germinabilità e bassa polverosità.
    Questa è la vera rivoluzione: la tecnologia di trattamento messa a punto da LG ha permesso di avere i due componenti attivi e utili per oltre 12 mesi. 

In occasione dell’evento in campo Nova Agricoltura

Per avere maggiori informazioni sul prodotto partecipa all’evento in campo organizzato da Edagricole in collaborazione con il Crea di Lodi “Nova Agricoltura Filiera mais e zootecnica di precisione” che si terrà a Lodi, presso il Crea, Centro di ricerca Zootecnia e Acquacoltura, a Cascina Baroncina (via della Baroncina) il giorno 27 settembre.
L’evento si svolgerà in due sessioni, una mattutina e una pomeridiana:

  • Mattina: visita guidata al caseificio sperimentale di Cascina Baroncina; tour guidato “Macchine al lavoro” nel campo di mais adiacente Cascina Baroncina, al silo e alla stalla; tour guidato “Zootecnia di precisione”: precision feeding, sensoristica su animali, gestione dati.
  • Pomeriggio: Tavola rotonda: “I punti critici della filiera del silomais, dal campo alla stalla al caseificio.  La trinciatura, l’insilamento, l’alimentazione delle bovine, la qualità del latte, la caseificazione”.

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome