Il nuovo Massey Ferguson Th 7038 al lavoro sui cereali

Di recente il marchio del gruppo Agco ha rinnovato la sua gamma di movimentatori telescopici. Cambiando motore, cofano e idraulica, che è oggi la più potente del mercato. L’abbiamo messa alla prova con i cereali

Per i costruttori cosiddetti generalisti, il caricatore telescopico è sempre stato un business marginale: buono al più per completare la gamma e piazzare qualche pezzo a casa dei più affezionati clienti, ma con la consapevolezza che in caso di uso intensivo anche questi ultimi si sarebbero probabilmente rivolti a un marchio specializzato.

In diversi, ultimamente, provano a sfatare questo luogo comune, dedicando maggior attenzione a queste macchine. Massey Ferguson, con la sua nuova serie Th, è senz'altro tra questi. La gamma, infatti, è composta da cinque modelli, con caratteristiche prestazionali e di comfort studiate appositamente per il lavoro in agricoltura. Macchine, insomma, per l’agricoltura, come lo stesso costruttore dice chiaramente nella sua presentazione, parlando di “Un vero telescopico agricolo supportato da una rete di concessionari agricoli”, nella speranza di convincere così chi si lascia tentare da un concorrente specialistico. Nelle pagine seguenti scopriremo quali sono queste caratteristiche esclusive e quali novità sono state introdotte rispetto alla gamma precedente.

I modelli

Cinque modelli, dunque, sostanzialmente divisi in due categorie: i 6000, con 6 metri di altezza massima, e i 7000, che manco a dirlo hanno un metro di braccio in più. La rimanente distinzione si fa sulla portata: 3 tonnellate giuste per il 6030 e il 7030, 3,4 per il 6534, 3,5 per il 7035 e 38 quintali, infine, per il 7038 che abbiamo usato per il nostro test. Segnaliamo, da ultimo, che 6030 e 7030 possono essere acquistati anche in versione compatta, per il lavoro nelle stalle o comunque in spazi molto ridotti, grazie a una larghezza di 2,1 metri, esattamente pari all’altezza massima.
Non è chiaramente il caso del nostro candidato: 4,15 metri di lunghezza (solo corpo macchina) e 2,3 di larghezza, uniti a un’altezza di 2,37 metri, ne fanno una macchina perfetta per spostare cereali sul piazzale o caricare balle in mezzo a un campo, tornando rapidamente a casa grazie alla velocità di 40 km orari e a un interessante cambio con due rapporti meccanici, di cui diremo tra breve.

Leggi l’articolo completo su Macchine e Motori Agricoli n. 3 – 2018 – L’edicola di Macchine e Motori Agricoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome