Fieragricola, ecco tutte le novità della meccanizzazione

Fieragricola
Il settore della meccanica agricola continua a essere in fermento. Ecco le principali novità che si vedranno nella città scaligera

Dopo alcune edizioni in cui la meccanizzazione agricola non era dominante a Fieragricola, gli ultimi eventi biennali hanno riportato in massa i costruttori italiani e stranieri alla manifestazione scaligera. In pratica ci sono tutti, qualcuno con novità assolute, qualcun’altro con anteprime per il mercato italiano, altri ancora con aggiornamenti di prodotto. Tutti però con una presenza in forza. Ecco in questa dettagliata rassegna una panoramica di ciò che agricoltori, contoterzisti e tecnici agricoli potranno vedere a Fieragricola.

ADR
Tecnoax, innovativi assi a struttura cava

A partire dall’1 gennaio 2018 non potranno più essere immesse sul mercato macchine agricole non conformi alla Mother Regulation, il regolamento che investe tutti gli aspetti tecnici della meccanizzazione agricola e dà il via a macchine di nuova generazione, sempre più veloci, con portate maggiori. In questo nuovo scenario il costruttore della macchina assume sempre più la funzione di team-leader, coordinatore di imprese fornitrici che sviluppano prodotti e sistemi conformi alle nuove norme. Adr è tra queste. Il progetto Teknoax è nato così. Si tratta di una gamma di assi a struttura cava, ottenuti per formatura a caldo. Nessuna struttura principale presenta saldature con grande vantaggio per la resistenza a fatica. Il corpo cavo inoltre può ospitare le tubazioni per la regolazione della pressione degli pneumatici e il sistema di tracciabilità RFId, che può registrare ogni evento della vita dell’asse e quindi del veicolo, sempre accessibili all’utente tramite smartphone.

AGM
Prestige e Zenith II motorizzati Volvo

Diverse le macchine esposte dall’azienda padovana, tra cui spiccano sicuramente i semoventi Prestige e Zenith II disponibili dai 12 ai 32 mc, caratterizzati da telaio strutturale a doppia H. Il motore è marcato Volvo, i radiatori autopulenti e la cabina sollevabile. Le coclee dello Zenith II sono posizionate su piani di diversa altezza (brevetto internazionale). La fresa desilatrice ha due rotori (brevettati), con lame che lavorano una in senso orario e l’altra in senso antiorario e fungono da aspiratore. La versione basculante (nuovo brevetto) permette una fresata lineare in trincea.
Passando ai trainati verticali, si evidenziano i modelli Apache II e III (bicoclea e tricoclea) disponibili dai 14 ai 50 mc: le due o tre speciali coclee verticali posizionate su piani di diversa altezza (brevetto internazionale) garantiscono in 3-5 minuti una miscelata soffice e omogenea. Da segnalare, infine, la presenza nello stand anche del Modus II–III (versione idraulica dell’Apache) e del Rapid, trainato verticale monococlea da 8 ai 22 mc.

AGRICOLMECCANICA
Atomizzatore scavallante e nebulizzatore pneumatico

L’azienda friulana presenta a Fieragricola 2018 tre novità di punta. La prima è l’atomizzatore scavallante trifilare Dia Tris 2000-N a basso, medio e alto volume d’irrorazione, dotata di cisterna in vetroresina, monitor di bordo per la gestione di tutte le operazioni elettroidrauliche e di irrorazione e struttura a traliccio a scavalcamento.
Il secondo atomizzatore è il Drift Recovery 1500 EV, modello bifilare trainato con sistema di recupero del prodotto, caratterizzato da cisterna in polietilene, doppio assale brevettato a controllo elettroidraulico computerizzato, computer a 8 programmi e diffusori d’aria regolabili. Terza e ultima novità è il nebulizzatore pneumatico trainato Neb Compact T 1000-N per basso volume di irrorazione. Caratterizzato da cisterna in polietilene, ugelli di nebulizzazione inox a 4 punte antigoccia, dosatore di precisione a scala graduata, kit apparato premiscelatore polveri rotante, apparato aspirachimici e ventilatore a doppia aspirazione ad alto rendimento.

ALBERTI MACCHINE
Caricarotoballe automatico

L’azienda mantovana presenta alla rassegna scaligera due nuovi modelli, a partire dal caricarotoballe automatico con forca basculante Serie AM. I modelli AM/6-AM/7 (a due assi) e AM/5 (monoasse) sono dotati del medesimo sistema completamente idraulico come la serie Special, e caricano, sempre automaticamente, le rotoballe predisposte in verticale, con l’ausilio del solo trattorista.
Il secondo modello è il caricarotoballe e caricaballe prismatiche automatico con pinza flottante articolata Serie AM Special. Questo caricarotoballe è la risposta più funzionale per la raccolta, il trasporto e lo scarico delle balle cilindriche e prismatiche di foraggio sia secco sia verde. Grazie alla forca di carico flottante articolata e al sistema completamente idraulico l’operatività di lavoro è sensibilmente migliorata: le rotoballe vengono velocemente raccolte in modo completamente automatico così come escono dalla pressa dal solo trattorista, senza mai dover scendere dal trattore. Il sistema flottante della pinza caricatrice consente l’utilizzo di questa attrezzatura su ogni terreno, anche il più sconnesso.

ANTONIO CARRARO
Serie R per il debutto nei trattori compatti

Cinque i modelli di punta presentati dall’azienda padovana. Il primo è il Tigre 4000, isodiametrico sterzante da 31 CV con motore Yanmar a 3 cilindri, dotato di telaio oscillante Actio, baricentro basso e ampia luce dal suolo. Secondo trattore da segnalare è il T Major, che offre mezzi compatti e potenze medie (49,7 o 56 Cv) e si compone di tre configurazioni, due con telaio Actio sterzante (TCF e TN) e un articolato (SNv). I motori sono Yanmar a 4 cilindri (49,7 Cv) aspirato e VM a 3 cilindri turbo (56 Cv).
Il terzo prodotto è un debutto nel mercato dei compatti, ovvero la nuova Serie R: in un’unica taratura di potenza di 98 hp (motore Kubota 4 cilindri, Stage 3B), sono ben sette le versioni proposte, tutte a sigla 10900. La nuova Serie R contempla anche due esemplari di trattori a cingoli: Mach 2 (bicingolo) e Mach 4 (quadricingolo).
Passiamo al quarto modello, il TGF: disponibile in 3 versioni: 71 Cv (7800), 89 Cv (9900) e 98 Cv (10900 Serie R), è un compatto monodirezionale a ruote posteriori maggiorate e profilo basso e filante. Chiude la rassegna il Tony 10900 TR e SR, con motore Yanmar 4 cilindri da 87 Cv, a telaio sterzante (TR) e articolato (SR), e trasmissione ibrida meccanico/idrostatica.

ARGO TRACTORS
L’esordio dei Landini 6-135H e serie 5

Dopo aver lanciato i nuovi McCormick in quel di Hannover, a Verona Argo Tractors si concentra sul marchio Landini, con due novità in particolare. La prima riguarda il modello 6-135H, con motore Deutz da 3,6 litri Tier 4 Final, la nuova frontiera delle serie compatte da campo aperto Landini. Questo modello si presenta con una potenza massima di 126 Cv e offre molteplici varianti di trasmissioni (da 12+12 fino a 48+16 con HML e super riduttore), oltre all’inversore idraulico. La gamma, in regola secondo la Mother Regulation, si completa con i modelli 6-125H e 6-115H con potenze massime rispettivamente di 119 e 110 Cv.
Nel segmento “Medium Utility” e inclusiva di omologazione per trattore specialistico, Landini presenta inoltre per i mercati Cee la nuova serie Landini 5 con motore Deutz da 3,6 litri Tier 4 Interim, con solo catalizzatore Doc e privo di Scr.
Infine, con il 2018 nasce il nuovo specialista dei filari Rex4 piattaforma, con i modelli F, GE, GB e GT. Il trattore è equipaggiato con motori a 4 cilindri Deutz Tier 4 interim da 2,9 l (TCD L4). Le potenze massime a 2.200 giri/min dei 6 modelli partono da 70 Cv per arrivare a 112 Cv.

ARVATEC
L’InCommand 1200 sale a Iso Classe 3

Tre i prodotti a marchio Ag Leader presentati da Arvatec a Verona. Il primo è l’aggiornamento a Iso Classe 3 dell’InCommand 1200, il top di gamma dei monitor AgLeader (possiede un display da 12 pollici capacitivo ad alta definizione), per cui l’operatore potrà mettere in comunicazione trattrice e attrezzo per una gestione ottimale di regimi motore, velocità di esercizio e allarmi attrezzo. Secondo prodotto è iScan, un sensore per la misurazione di conducibilità elettrica e sostanza organica, compatto e applicabile a seminatrici, oltre che ad altre tipologie di attrezzo. La doppia modalità di analisi registra la tessitura attraverso la misurazione della conducibilità elettrica (Ce) e la sostanza organica misurando la riflettanza del suolo (So). A partire dalle mappe create con iScan è possibile definire qualsiasi operazione a rateo variabile come semine, concimazioni, irrigazioni in modo preciso e puntuale.
Infine, Iso Downforce, sistema idraulico per il controllo della profondità di semina. Si compone, per ogni fila della seminatrice, di una cella di carico da applicare sulla ruota di appoggio, di un pistone idraulico che si sostituisce alle molle e di una valvola proporzionale.

ATG
Si amplia la gamma Premium 389VF

Prima del lancio di Alliance 389VF, riferisce Alliance, brand indiano del gruppo giapponese Yokohama, gli agricoltori guidavano trattori con pneumatici VF per ridurre la compattazione del suolo, ma i benefici erano sempre vanificati quando un rimorchio con pneumatici standard passava sullo stesso terreno. Ora, grazie alla combinazione di tecnologia di flottazione e VF, il suolo viene protetto al meglio e gli pneumatici trasportano lo stesso carico con una pressione dell’aria inferiore del 30%. La gamma di modelli di Alliance Premium 389VF di varie misure è in costante ampliamento. Sei misure sono state già lanciate e sono attualmente disponibili: VF 560/60R22.5, VF 600/55R26.5, VF 650/55R26.5, VF 710/50R26.5, VF 750/45R26.5, VF 750/60R30.5 Altre 2 misure sono in fase di sviluppo: VF 650/60R26.5, VF 800/60R32.
Alliance 389VF funziona sia con una pressione del 30% inferiore sia con un carico del 30% superiore alla stessa pressione di uno pneumatico di flottazione standard, riducendo così significativamente l’impronta e quindi il compattamento del suolo durante i lavori agricoli, a tutto vantaggio della fertilità del terreno e del raccolto.

BASSI SEMINATRICI
Distribuzione al top con il cono di spugna

L’azienda bolognese si presenta a Verona con tre seminatrici in evidenza. La prima, seminatrice Manuale Bassi, è una macchina di alta precisione, in quanto è fornita di un distributore seme formato da un disco alveolato in alluminio che viene preparato su precisa richiesta del cliente. È in grado di seminare tutti i tipi di cereali, legumi, ortaggi, erbe officinali e aromatiche, sia a seme nudo sia pillolato.
Il secondo modello, SP 2002, è una seminatrice componibile ideata per lavorare su medie e piccole superfici, con gli elementi di semina fissati alla barra di supporto con una vite. Ciò permette di cambiare la distanza tra gli elementi semina (cioè tra le fila) molto velocemente.
Della SP 2002 esiste una versione con cambio semplificato chiamata SP 2012, dove il movimento al disco è dato dalle due ruote gommate della seminatrice. Terzo modello da segnalare è la seminatrice elettronica SM 2000, la prima prodotta in Italia, sostiene Bassi, a utilizzare un cono di spugna, che regola la distribuzione di semi di diversi calibri ed è azionato da un motore elettrico a 12 V: variando la velocità di tale motore, si può regolare la quantità di seme in uscita.

BCS
Dal Volcan L80 all’Invictus K600

Due le novità più importanti esposte da Bcs a Verona. La prima è il Volcan L80, trattore isodiametrico specializzato con motore 4 cilindri turbo intercooler da 75 Cv a gestione elettronica. La trasmissione può essere equipaggiata con l’esclusivo inversore elettroidraulico EasyDrive per il massimo comfort e il totale controllo del veicolo.
Cinque le versioni disponibili: con articolazione centrale, a ruote sterzanti, con doppio sistema di sterzo brevettato Dualsteer, configurata per lo sfalcio del foraggio e a ruote differenziate.
Seconda novità è l’Invictus K600, trattore specializzato da 48 Cv di potenza, nato per l’impiego in spazi molto ristretti come colture a filari, vigneti, frutteti, serre e vivai, oltre che per lavori di manutenzione (estiva e invernale) tipici delle municipalità.
I due assali con riduttori epicicloidali riducono al minimo il passo della macchina e conferiscono una grande agilità di manovra per muoversi con disinvoltura per ogni coltivazione e su ogni tipo di terreno.
La reversibilità della postazione di guida (opzionale) permette all’operatore di ruotare in pochi secondi sedile e volante.

BERTI
Trinciatrice forestale a doppia trasmissione

Per la prima volta a livello internazionale l’azienda veronese presenta la nuova versione della trinciatrice forestale ECF/DT a doppia trasmissione realizzata interamente con acciai speciali (Strenx e Hardox), con un rotore forestale equipaggiato con mazze Berti a scomparsa con doppio tagliente.
La nuova ECF/DT è stata studiata per essere utilizzata su trattori con potenza variabile da 110 a 250 Cv ed è adatta a triturare vegetazione incolta e arbusti fino a un diametro di 35 cm. Nella dotazione di serie sono incluse le slitte regolabili con zoccolo antiusura, il cofano posteriore regolabile idraulicamente, il tenditore automatico delle cinghie e la trasmissione laterale a cardano.
Sarà inoltre presentata anche la nuova trinciatrice BF/S a profilo ribassato con spostamento a parallelo-gramma indicata per trinciare erba e residui legnosi su frutteti e oliveti in particolare, ma anche su vigneti e applicabile a trattori con potenza compresa tra 40 e 80 Cv.
La sua peculiarità consiste nell’avere la trasmissione laterale orizzontale che permette all’operatore di lavorare in estrema sicurezza anche su impianti a chioma molto bassa.

BFM
Tre interceppi per il vigneto

La B.F.M. di Bertoluzzo Fabrizio C. è un’azienda che si occupa della progettazione e produzione di macchine agricole studiate per la coltivazione di vigneti, oliveti e frutteti, con particolare attenzione alle soluzioni per i terreni collinari. Tre le macchine interceppi presentate a Fieragricola: la prima (B1) è una fresa automatica interceppi adatta a soddisfare ogni esigenza di fresatura in piantagioni a filari con una distanza minima tra i ceppi di 40 cm. Questo macchinario è dotato di una zappetta dal design innovativo ed è particolarmente indicato per la coltivazione di vigneti e frutteti, soprattutto su terreni collinari.
Il tagliaerba interceppi automatico DB12 permette, invece, di lavorare in totale sicurezza grazie al suo sistema automatico e ai doppi comandi posizionati sul trattore. Il disco tagliaerba effettua un taglio del diametro di 90 cm per mezzo dei suoi fili. È ideale per la pulizia e per il taglio dell’erba in vigneti o frutteti tra pianta e pianta e lungo la carreggiate stradali, anche in forte pendenza
Infine, le trinciatrici BSP e BST sono particolarmente indicate per lo sminuzzamento dei sarmenti di vite e delle potature dei frutteti, per la pulizia del sottobosco e per la rasatura dell’erba.

BGROUP
Dalle irroratrici alle seminatrici

A parte il Grimpeur JR, l’ultimo modello degli irroratori semoventi Grimpeur classe 3.000 l, Bgroup concentra le sue novità per Fieragricola sulla gamma Projet, a partire da Multi Pneus, il nuovo nebulizzatore caratterizzato da sistema elettrostatico, trattamento di due filari completi, sistema articolato con aggancio a 3 punti del trattore della testata di erogazione, testata di erogazione scavallante a geometria variabile per trattare quattro facciate di filari, serbatoio principale da 600 a 1.000 litri e assale registrabile. Sempre in tema di difesa, Solf Plus è il nuovo impolveratore della gamma Projet, con telaio in acciaio verniciato, serbatoio in polietilene capacità di 200-300 l, ventola radiale da 450 mm di diametro, trituratore e agitatore meccanici, comando idraulico apertura e chiusura flusso, regolatore a distanza e distribuzione omogenea dx-sx in scala graduata.
Infine, novità assoluta, Valkiria Hydra, la nuova generazione di macchina monograno progettata da Bgroup: il sistema Vario è il nuovo telaio variabile da 6 a 9 file che permette di cambiare le distanze di semina con un semplice movimento; le distanze sono variabili ogni 5 cm e si può seminare con 9 file e 8 file escludendo la fila centrale.

BKT
FL 637 e Agrimax V-Flecto in vetrina

La principale novità esposta da Bkt presso lo stand Univergomma (distributore ufficiale per l’Italia di pneumatici Bkt) a Fieragricola è il lancio dello pneumatico FL 637 dalla struttura in acciaio della famiglia Flotation, prodotto ideale per spargitori, rimorchi e autobotti, che vanta ottime prestazioni sia in campo sia su strada, anche grazie all’elevata trazione assicurata da un battistrada direzionale con ottime doti di galleggiamento, bassa resistenza al rotolamento e ottima auto-pulitura.
Inoltre, sarà presente l’enorme trattore trasparente, realizzato con 1.500 kg di plexiglass, equipaggiato con uno pneumatico altamente innovativo: Agrimax V-Flecto, il primo pneumatico Bkt che si avvale della Nro Technology (Narrow Rim Option), nuovo standard sperimentale di Etrto (European Tire and Rim Technology Organization). Questa marcatura permette di utilizzare i cerchi raccomandati nella misura standard e non cerchi specifici che sono invece necessari per pneumatici VF delle stesse dimensioni. Agrimax V-Flecto è l’ideale sia in campo sia su strada e sopporta il 40% di peso in più rispetto a uno pneumatico standard della stessa misura e alla stessa pressione di gonfiaggio.

BRAVO
Nuovo carro unifeed semovente

Bravo srl, azienda di riferimento nella produzione di macchine specifiche per l’allevamento, presenta il nuovo carro miscelatore semovente Unifeed Rotomix Serie 5, che si compone di una potentissima fresa abbinata a un esclusivo mulino supplementare trinciante a coltelli e contro coltelli regolabili - che taglia in maniera veloce e netta, a lunghezza costante e desiderata, impedendo la sfibratura e il riscaldamento delle masse. Tutti i materiali vengono caricati nella botte rotante, la quale miscela perfettamente i componenti, ottenendo un composto omogeneo, digeribile e appetibile pronto per essere scaricato in mangiatoia. Il nuovo Rotomix 5500 Serie 5 da 23 mc si arricchisce di motori in linea con le direttive europee Ece - stage IV che, per via dei volumi diversi, hanno richiesto un alloggiamento differente rispetto alla versione precedente e, conseguentemente, una nuova cofanatura. Sono stati apportati dei rinnovamenti anche alla testata braccio-fresa-mulino, ancora più veloce e potente, e alla cabina, rialzata rispetto alla precedente e con una maggiore superficie vetrata, mentre l’ausilio delle telecamere aumenta la sicurezza e la manovrabilità della macchina.

CAEB
Rotoimballatrice di nuova concezione

Due i modelli da segnalare per l’azienda bergamasca. Il primo, Edy Chipper è una raccogli-trincia-caricatrice semovente per residui di potature di colture in filare. Essa introduce la possibilità di disporre di operatrici semoventi a elevata produttività del lavoro e ad alto utilizzo annuo delle attrezzature meccaniche anche nel settore delle colture in filare. Edy Chipper è una macchina semovente dalle dimensioni compatibili con la quasi totalità dei sesti d’impianto delle coltivazioni in filare oggi presenti. Edy Chipper si contraddistingue per la sua operatività spiccatamente industriale, che consente la creazione di una filiera corta per dalla raccolta e trinciatura in campo alla valorizzazione energetica finale.
Quickpower, invece, è una rotoimballatrice per sarmenti e potature di nuova concezione, estremamente versatile e tecnologicamente avanzata. Quickpower impiega in media meno di un minuto per compiere l’intero ciclo di lavorazione. Il peso della balla prodotta è di circa 25/30 kg, con la possibilità di variarne il peso aumentando o diminuendo la pressione all’interno della camera. Quickpower riesce a imballare ramaglie e potature fino a 30 mm di diametro.

CAFFINI
GrassKiller in versione Twin

Nel 2018 Caffini presenta la versione Twin della sua GrassKiller, diserbatrice ad acqua fredda per la distruzione delle erbe infestanti nelle aree interfilari di vigneti e frutteti, dotando la macchina di un sistema diserbante composto di 2 testate, montate sull’attacco frontale del trattore. Le due testate lavorano contemporaneamente su due lati del filare, dimezzando così i tempi di lavoro. GrassKiller Twin si adatta alla larghezza dei filari mediante regolazione idraulica.
Spray Veg è, invece, l’innovativo polverizzatore progettato per lavorazioni in serra e campo aperto su 4 baule, con barra idraulica asimmetrica di 7,2 – 7,5 – 8 metri e capacità di 300 e 400 l. Pur essendo realizzato con materiali ad alta resistenza, gode di estrema leggerezza per permetterne l’utilizzo con trattori leggeri di potenza limitata al fine non danneggiare le corsie di transito tra le baule.
Infine, Act System è il nuovo concetto di gruppo ventilatore da applicare su macchine irroratrici per culture arboree. Con un unico gruppo serbatoio-ventilatore e sostituendo i diversi tipi di convogliatore, l’operatore può agevolmente adeguare la distribuzione alla diverse colture (da impianto a vaso, a parete verticale ecc…).

CAMSO
Sistema cingolato ad alta velocità

Durante Fieragricola la canadese Camso mette in risalto i suoi ultimi prodotti, come il sistema cingolato in gomma ad alta velocità (Cts High Speed) e la nuova serie di cingoli Ag 2500. Nel primo caso si tratta di una innovazione esclusiva che consente alle macchine da raccolta cingolate di spostarsi più velocemente da un campo all’altro: è stato, infatti, progettato per consentire alle mietitrebbie di avanzare alla medesima velocità che le stesse hanno nella versione a ruote. La sua ampia impronta a terra riduce la pressione al suolo del 70%, rispetto alla versione a ruote. Questa innovazione è attualmente disponibile per le mietitrebbie New Holland CX 5/6000 e Serie S, T e W John Deere. Nel secondo caso si tratta di un prodotto per applicazioni agricole standard a un prezzo di vendita competitivo.
Costruita con lo stesso processo e gli stessi standard Camso di alta qualità, la serie AG 2500 dispone dell’esclusiva tecnologia di vulcanizzazione singola continua, che garantisce elevate prestazioni e durata, con un risparmio operativo orario medio del 15 percento. I nuovi cingoli Camso sono disponibili per tutti i trattori con trasmissione ad attrito.

CASE IH
Versione essenziale per i Puma

Le novità presentate da Case IH a Fieragricola ricalcano quelle già viste ad Agritechnica e sono sostanzialmente tre, a partire dai Puma X, nuova versione disponibile per i trattori Puma 140, 150 e 165 con specifiche studiate per i clienti che cercano una macchina essenziale. Si tratta di modelli aggiuntivi alla gamma Puma esistente della quale mantengono le caratteristiche principali. Le potenze nominali dei trattori sono rispettivamente di 140, 150 e 165 cv, con una potenza massima, incluso il sistema Epm, di 175, 190 e 210 cv. Seconda novità riguarda la gamma Maxxum: con il lancio della ActiveDrive 8 è ora disponibile per i trattori Maxxum Multicontroller una nuova trasmissione semi-powershift che offre otto stadi powershift in ognuna delle tre gamme, per un totale di 24 rapporti sia in marcia avanti sia in retromarcia. Terza e ultima novità è una gamma di tre modelli Quadtrac Cvx che andranno a integrare la linea di cinque modelli esistenti dotati delle collaudate trasmissioni powershift. Con una potenza massima di 613 cavalli, riferisce il brand di St. Valentin, il 540 Cvx, modello di punta della gamma Cvx, offre la massima potenza in assoluto per un trattore con trasmissione Cvt.

CELLI
Nuova trinciatrice ad attacco frontale

Tra le tante macchine esposte a Fieragricola da Celli, fa il suo esordio la nuova trinciatrice pieghevole Gemini/P con attacco frontale, che raggiunge i 5 metri di larghezza.
Si tratta di un’attrezzatura di grandi dimensioni e dalla potenza massima di 120 Cv, in grado di operare con trattori di media potenza.
É adatta alla lavorazione di terreni incolti, ma può essere utilizzata senza problemi per trinciare erba, sarmenti, arbusti, legna (fino a 7-8 cm di diametro) e residui colturali.
Alla trinciatrice si aggiunge il G190, un modello di vangatrice che diventa l’ammiraglia della gamma Celli in questo segmento: l’attrezzatura arriva infatti a una larghezza di 3,5 metri.
A Fieragricola la vangatrice verrà presentata nella nuova versione smontabile, pensata per andare sempre più incontro alle esigenze degli utenti: nonostante il particolare sistema di manovellismo su cui si basa la macchina, in caso di rotture questo upgrade consente infatti di intervenire solamente sulla biella da sostituire, per una manutenzione più semplice e rapida.

CIMA
Inedita testa scavallante

Il costruttore pavese espone a Verona alcune delle sue ultime produzioni, prima fra tutte l’inedita testata scavallante Multi-Vitis 6, ovvero un atomizzatore snodato che permette di effettuare trattamenti in vigneto a spalliera con la copertura simultanea di ben 6 facciate (o 3 filari) a ogni passaggio.
L’atomizzatore portato a nebulizzazione pneumatica serie New Plus, con testata di distribuzione per trattamenti su colture allevate a tendone, come l’uva e il kiwi, garantisce un’ottima copertura anche nelle parti della vegetazione in cui i tralci sono più rigogliosi, grazie alla differenziazione del diametro dei diffusori, ognuno dotato di sistema antigoccia brevettato e valvola di chiusura/apertura erogazione.
L’atomizzatore trainato a nebulizzazione pneumatica serie Blitz è ideale, invece, per i trattamenti a basso volume sui vigneti, grazie alla testata ripiegabile idraulica Douro a quattro diffusori, mentre l’atomizzatore snodato a nebulizzazione pneumatica serie Link, con testata di distribuzione 4 mani 4 cannoni, è una soluzione specifica per gli agricoltori che devono soddisfare esigenze altrettanto specifiche per il vigneto.

CLAAS
Pale caricatrici al debutto nazionale

Oltre alla presentazione dei trattori Arion 500/600 e Axion 800/900, tutti omologati secondo la Mother Regulation, la grande novità di Claas a Verona sono le pale caricatrici Torion per l’agricoltura (presentate in anteprima ad Agritechnica), frutto dell’accordo con la tedesca Liebherr.
Si tratta di sette nuovi modelli che vanno a completare l’attuale gamma di telescopici, carri per il trasporto agricolo e trattori con caricatori frontali. Tutti i modelli sono dotati della trasmissione Claas Power System e di una cabina generosa in termini di dimensioni e visibilità. I modelli più piccoli (Torion 639 e 535) sono stati concepiti nello specifico per aziende zootecniche e colture specializzate.
La gamma media (Torion 1511, 1410 e 1177) è l’ideale per aziende agricole e contoterzisti che richiedono una potenza sufficiente per compattamento trincee o movimentazione di materiali vari. Infine, i due modelli più performanti (Torion 1914 e 1812) sono stati progettati per contoterzisti e grandi aziende agricole. A Verona saranno esposti anche due nuovi modelli dei telescopici Scorpion (741 e 1033), frutto anch’essi della nuova collaborazione con Liebherr.

EMILIANA SERBATOI
L’era delle sonde antifurto

Tank Fuel, contenitore-distributore in acciaio al carbonio per lo stoccaggio e l’erogazione del gasolio, è stato adeguato alle recenti normative ministeriali che prevedono, tra i vari aspetti, l’obbligatorietà del bacino al 110% della capacità geometrica del serbatoio stesso. Non cambiano le capacità serbatoio con asse orizzontale o verticale, da 490 a 9mila litri; molteplici sono gli allestimenti a seconda della portata dell’erogazione e delle caratteristiche del distributore.
Carrytank 400+50 è un serbatoio trasportabile e combinato per il trasporto di gasolio e AdBlue che nasce dalla consolidata esperienza dell’azienda di Campogalliano (Mo) su questo specifico prodotto, proposto con differenti capacità (220, 330 a 440 litri).
Ecco dunque il sistema dalla duplice funzione: la maggior parte dello spazio è dedicata alla capienza per il gasolio, 400 litri appunto, mentre all’Adblue è riservata una quota di 50 litri.
Infine, per dare una mano contro i furti di gasolio c’è Emilprobe: una sonda esegue il monitoraggio in tempo reale del liquido presente nel serbatoio e che può essere controllato attraverso uno schermo touchscreen o a distanza, per esempio dallo smartphone.

ENERGREEN
Radiocomandati per professionisti

Il parco macchine di Energreen comprende tre divisioni: ILF semoventi, Robo (radiocomandate) e attrezzature professionali. Tutte le macchine sono concepite per lavorare nell’ambito della manutenzione del verde stradale, forestale, fiumi, argini, canali ecc... Nell’ambito delle ILF semoventi si segnala la ILF S1500, macchina decespugliatrice che può essere equipaggiata con tre diverse tipologie di braccio telescopico, con distanze di lavoro comprese tra gli 8 e i 12 metri.
Oltre alla classica testata trinciante e possibile applicare innumerevoli attrezzature. Passando alle macchine radiocomandate, RoboGreen è un porta-attrezzi multifunzione da 40 Cv capace di lavorare nei luoghi più ostili, con pendenze fino a 55° o dove l’accesso è molto difficile.
RoboMax è, invece, una potente macchina radiocomandata porta-attrezzi multifunzione capace di lavorare nei luoghi più ostili, con pendenze fino a 50°.
La macchina monta un motore diesel da 75 Cv e di quattro funzioni idrauliche a doppio effetto e può montare diverse attrezzature professionali.

FERRARI
Pacciamatura a basso ingombro

A Fieragricola l’azienda di Guidizzolo (Mn) fa debuttare FPA Flash, che fa del risparmio di tempo, della praticità e della semplicità di gestione i suoi punti di forza.
Si tratta di una rivisitazione del modello Fpa, con di serie o a richiesta l’innovativo distributore a 8 tazze a scarico laterale brevettato
nel 2017.
La pianta inserita dal distributore viene, tramite un collettore, scaricata all’interno della perforatrice già aperta nel terreno, garantendo così che la torba umida rilasciata dall’alveolo non vada, come nel caso della versione precedente, dopo diversi scarichi a ostruire l’uscita della pianta.
È stata poi creata in un unico telaio la possibilità di pacciamare e trapiantare in combinata, lavorando a fila singola o a diverse unità di trapianto.
Mentre le versioni combinate dei modelli FP e FPA risultavano molto ingombranti, l’ultima nata in casa Ferrari ha un ingombro massimo di 2 metri (lunghezza) ed è in grado in un unico passaggio di stendere la pacciamatura con manichetta, trapiantare e, a richiesta, anche concimare e geodisinfestare in un modo semplice, sicuro e veloce.

FRANDENT
Cuscinetti rinforzati per i nuovi erpici

L’azienda torinese presenta a Verona sia la divisione suolo sia la divisione fienagione. Nel primo caso, occhi puntati sugli erpici appartenenti alla serie R (nello specifico i modelli R. 15 – R.19 – RP.28 della Serie Eternum) adatti all’utilizzo sia in campo aperto sia nei frutteti tradizionali e biologici.
Sono caratterizzati dall’estrema robustezza della meccanica Eternum, che si contraddistingue per l’utilizzo di cuscinetti conici a rullini di forte spessore, con denti lunghi e resistenti.
Passando alla fienagione, gli spandivoltafieno Super Pro sono dotati di una trasmissione a tenuta che garantisce affidabilità e durata nel tempo. Concetti innovativi sono stati ideati sui bracci portadenti per renderli flessibili e resistenti. Le protezioni antinfortunistiche, con funzione di rinforzo strutturale, sono richiudibili in fase di trasporto stradale. Infine, i ranghinatori Super Pro sono macchine professionali, dotate di una serie di innovazioni esclusive tra cui i denti in acciaio super C, che assicurano un rastrellamento ottimale del prodotto, e i riduttori in bagno d’olio con regolazione variabile della camme per gestire l’anticipo o il ritardo nello scarico del prodotto.

HERMES
Taglio orizzontale d’avanguardia

Sempre attenta all’evoluzione di mercato e a un’agricoltura sostenibile e senza utilizzo di prodotti chimici, Hermes ha messo a punto tre nuove formule di macchine che presenta alla fiera di Verona.
La prima si chiama Flaily, macchina agile, veloce e con capacità di taglio erba paragonabile a un taglio orizzontale, ma con il vantaggio di triturare anche tralci fino a 2 cm di diametro, incurante della presenza di sassi o altri materiali. Nella nuova versione, è stato inserito un porta attrezzi universale di facile montaggio e con la possibilità di cambiare gli attrezzi molto velocemente e di inserirli anche in un secondo momento.
Seconda novità è Fisarmonica XXL, macchina a taglio orizzontale a tre lame, mulching perfetto, con velocità elevata e qualità taglio ottima, ora in versione fino a 2,95 m (a partire da 2,35 metri). Le due ali laterali possono essere regolate idraulicamente, in modo da adattare la larghezza al filare. Infine, Castor, trinciastocchi robusta con nuova forma estetica e con porta-accessori universale e rapido per agevolare sempre più la gestione meccanica del sotto fila.

IDEAL
Sprayer per vigneto e campo aperto

Ideal presenta a Fieragricola diversi sprayer innovativi, tra cui Drop Save e Bora per il vigneto e Poly Super Plus 3000 per il campo aperto.
Drop Save è il nebulizzatore certificato Enama/Entam che si distingue per il suo innovativo sistema di recupero di prodotto. Di fatto, consente di lavorare in basso volume su due filari contemporaneamente e di recuperare fino al 50% del liquido nebulizzato grazie a specifici pannelli e al suo sistema di aspirazione brevettato.
Non solo, la nuova App Drop Save per smartphone, permette di avere in tempo reale dati e statistiche utili per la compilazione dei quaderni di campagna.
Bora è il nebulizzatore semi-portato concepito per trattare contemporaneamente e in basso volume uno o più filari di vigneti a spalliera situati in zone collinari, grazie alla sua speciale configurazione.
Infine, Poly Super Plus è il polverizzatore ideale per effettuare trattamenti a coltivazioni a campo aperto con medie e ampie estensioni. Poly Super Plus è presente a Fieragricola nella versione trainata da 3.000 litri con barra idraulica tri-jet da 18 metri a chiusura laterale.

IMECA
Vendemmiatrice a camera allungata

Tre le macchine esposte nello stand dell’azienda friulana, che interessano le fasi colturali della gestione del terreno e della raccolta. Il coltivatore Interfilare è ideale per la lavorazione del terreno sotto chioma ed è un valido sostituto all’utilizzo del diserbo chimico.
L’aspetto fondamentale di questa macchina è il sistema di rientro a doppio effetto con distributore idraulico.
La trinciatrice Comby è ideale per la trinciatura di erba e sarmenti e viene collegata posteriormente alla trattrice, disponendo di attacco terzo punto e trasmissione mediante albero cardanico. Infine, la vendemmiatrice trainata HS 30 che, grazie all’allungamento della camera di raccolta, riesce a lavorare a elevate velocità di avanzamento, garantendo una completa raccolta del prodotto e minimizzando inoltre i tempi di scarico grazie alle nuove vasche in acciaio inox da 4.800 litri di capienza.
L’inserimento della coclea nel sistema di pulizia permette al prodotto di essere convogliato verso i deraspatori in modo uniforme e continuo, garantendo in questo modo un’ottima pulizia del prodotto.

JOHN DEERE
Sei cilindri al top di gamma

Anche per John Deere le novità esposte a Verona arrivano in gran parte da Agritechnica, a partire dai trattori 5E a 3 cilindri, progettati per allevamenti di bestiame e aziende agricole di piccole dimensioni, conformi ai requisiti Stage IIIB.
La seconda novità come trattori arriva dall’edizione 2017 di Enovitis in campo e si tratta del nuovo 5100GL con motorizzazione Stage IIIB e altre caratteristiche evolute quali l’inserimento sotto cofano delle soluzioni utilizzate per il post trattamento dei gas di scarico, un nuovo acceleratore a mano sulla consolle di destra, una capacità del serbatoio aumentata sino a 10 litri, e un aumento dello spazio in cabina disponibile pari al 10%.
Chiudono le novità in ambito trattori con la linea 6R che viene completata con due nuovi trattori 6 cilindri top di gamma con potenza nominale 230 (6230R) e 250 (6250R) cv (97/68/CE).
Per le macchine da raccolta, la novità è rappresentata dai quattro nuovi modelli di mietitrebbie della Serie S700 (S760, S770, S780 e S790) e dalle rotopresse a camera variabile (V451G, V451M/V461M e V451R/V461R/C451R/C461R) che vanno a sostituire i modelli delle precedenti Serie 800 e 900.

KUBOTA
Powershift a sei velocità

Dopo Hannover, anche a Verona Kubota presenta la sua nuova generazione di trattori M7002, successore del noto modello M7001. L’innovazione principale in questo modello M7002 è la nuova trasmissione Powershift a 6 velocità (per una velocità massima di 50 km/h). Anche alcune delle specifiche sono state migliorate, come la tolleranza di carico aumentata a 11.500 kg, unitamente alle prestazioni del motore focalizzate sull’aumento della potenza e sulla riduzione di consumo di carburante.
La tecnologia è un ulteriore punto di forza del nuovo trattore M7002, grazie al miglioramento del funzionamento del joystick principale e dalla memoria HMS, ora più potente, per rendere il lavoro dell’operatore ancora più agevole.
Nuove funzionalità anche per il sistema di sterzatura automatica, con la possibilità per il conducente di visualizzare in centimetri la distanza sulla rotta impostata e di memorizzare fino a 20 configurazioni Hms.
La trattrice M7002 si presenta infatti con le sospensioni anti-vibrazioni e con sistemi di isolamento acustico che riducono la rumorosità all’interno della cabina.

KUHN
Alimentazione animale nel mirino

Numerose le novità presentate dal gruppo francese a Verona, incentrate sul settore dell’alimentazione animale, come ad esempio i nuovi modelli di carri miscelatori semoventi SPV Access e SPV Power, sviluppati per offrire agli allevatori una macchina molto compatta, di altezza ridotta e facile da manovrare. Disponibili con capacità da 12 a 17 mc, sono adatti per aziende con più di 80 vacche da latte e composti da numerose versioni in modo da rispondere alle esigenze di tutti gli allevatori: Spv Access (versioni 12, 14 e 15 mc con fresa da 90 Cv) e Spv Power (versioni 12, 14, 15 e 17 mc con fresa da 120 Cv).
Sempre in tema di carri unifeed semoventi, da citare anche la gamma Spw Intense, munita di una fresa larga (2 m) e potente (160 Cv per il modello Spw Intense da 14 a 18 mc e 200 Cv per quello da 19 a 27 mc).
Per quanto riguarda i carri miscelatori con due coclee verticali, la nuova gamma Profile 2.DL-CL-PLUS, disponibile da 18 a 34 m3 con diverse possibilità di distribuzione, è dotata in particolare di coclee di miscelazione K-NOX, per resistere all’uso intensivo delle aziende moderne. Infine, da segnalare anche lo sviluppo della gamma di impagliatrici distributrici per tutti i foraggi Primor.

MA/AG
Seminatrice da sodo ma non solo

La seminatrice trainata Sicura, progettata e prodotta da Ma/Ag, nasce per la semina su terreno sodo, ma è impiegabile anche su terreno parzialmente lavorato. Nella versione pneumatica SSP è dotata di sistema di trasporto pneumatico del seme e del concime, dosatore volumetrico e azionamento idraulico. Il singolo elemento di semina è caratterizzato da due dischi, uno dentato e l’altro liscio, montati fra loro sfalsati, dotati di raschiaterra e divaricati in modo da ospitare il tubo adduttore del seme. Posteriormente due ruotine chiudisolco completano il lavoro di semina.
La seminatrice Sicura è destinata alla semina su sodo dei cereali autunno vernini e di tutte quelle specifiche colture che possono essere seminate in linea con interfila di 175 mm o 187,5 mm o loro multipli.
È disponibile nella versione trainata con larghezze di lavoro variabili da 3 a 6 m a passi di 0,50 m, e numero di file variabile da 17 a 33. La potenza varia da 140 a 200 Cv in funzione dei modelli. Per il modello da 3 m la tramoggia del seme e del concime sono rispettivamente di 1.300 e 600 litri. Per il modelli con larghezze superiori fino a 6 m, tramoggia del seme e del concime sono rispettivamente di 2.500 e 600 litri.

MAINARDI
Erpice a dischi per lavorazioni di qualità

L’offerta dell’azienda cremonese in quel di Verona ha il modello di punta nell’erpice a dischi LKM300, utensile ideale per realizzare lavorazioni superficiali di qualità.
Disposto su due file, sono montati dischi concavi di diametro 560 su cuscinetti che non richiedono lubrificazione, l’angolo di inclinazione dei dischi, la dentatura profonda assicurano un taglio perfetto nel terreno, una miscelazione omogenea anche in presenza di residui vegetali abbondanti.
Ogni disco è montato su un supporto indipendente ammortizzato tramite elastomeri in poliuretano.
Completano la dotazione dell’attrezzatura un pettine strigliatore in grado di aumentare sensibilmente la capacità di livellamento e un rullo a gabbia di diametri 490 che consente un adeguato livello di compattamento.
L’erpice a dischi combinato con la seminatrice pneumatica rappresenta una soluzione ideale per la gestione delle cover crops.
La velocità di lavoro elevata garantisce una elevata produttività,
Il peso dell’attrezzatura è di 1.840 kg e per l’operatività sono necessarie potenze comprese fra 130 e 230 Cv.

MAINTECH
Sarchiatura a guida autonoma

L’azienda di Soncino (Cr) presenta a Fieragricola Greencam, un innovativo sistema elettronico di guida autonoma da applicare tra il trattore e l’attrezzatura agricola. Una soluzione che consente elevata velocità operativa attraverso il sistema di spostamento laterale automatico dell’attrezzo portato e integra un software mirato a una sarchiatura estremamente precisa, risultando un dispositivo particolarmente utile sia per le coltivazioni biologiche che per quelle convenzionali.
Il fulcro della Greencam è rappresentato da una doppia camera ottica posizionata davanti alla barra orizzontale del telaio: la telecamera cattura l’immagine delle colture, che viene analizzata in modo da individuare l’esatta posizione delle piante, mentre un apposito processore provvede a gestire e a correggere in automatico la velocità di spostamento, adeguandola costantemente alla direzionalità della fila.
Nella sarchiatrice su cui viene applicato il sistema Greencam posteriormente elementi a dita rotanti lavorano tra le piante, rendendo possibile una gestione ecologica delle erbe infestanti sulle file della coltura.

MANITOU
Carrello elevatore a sterzata ridotta

Il gruppo francese presenta a Fieragricola tre delle ultime novità presentate ad Agritechnica 2017, a partire dal carrello elevatore compatto fuoristrada MC 18: con una larghezza di 1.450 mm e una lunghezza di 2.950 mm, per un’altezza inferiore a 2 m nella sua versione Buggy, l’MC18 ha un raggio di sterzata ridotto di 2.585 mm e un corridoio di stivaggio con pallet 1.000 x 1.200 di soli 4.401 mm.
Tra le caratteristiche da mettere in evidenza, ricordiamo il tetto panoramico in vetro, la luce dal suolo di 30 cm, l’accessibilità in cabina da ambo i lati e la silenziosità operativa (appena 79 dB).
Seconda novità è il sollevatore telescopico compatto MLT 730-115 V / CP, ultimo arrivato della nuova gamma NewAg, con una capacità di 3 t per un’altezza del braccio di 7 m, dotato di trasmissione M-Varioshift e nuovo motore Deutz da 116 Cv, Tier IV Final, collocato in posizione trasversale al telaio, per aumentare la compattezza della macchina e l’accessibilità al motore stesso.
Infine, il nuovo sollevatore telescopico articolato MLA-T 533-145 V+, la soluzione ideale per gli agricoltori che preferiscono le caratteristiche tipiche della pala articolata, senza rinunciare ai benefici del braccio con lo sfilo telescopico.

MANTOVANI
Nuovi nebulizzatori scavallanti

L’azienda veronese presenta due nebulizzatori scavallanti articolati a marchio Florida.
Il primo, Spraymist.Art SC.2, è un nebulizzatore articolato a basso volume e l’articolazione riduce gli spazi di manovra a fine filare, permettendo svolte superiori a 90° senza staccare la presa di forza.
Tra le caratteristiche di punta, il ventilatore centrifugo a doppia aspirazione dotato di frizione centrifuga, la testata di erogazione scavallante con geometria variabile e sollevamento centrale, i dosatori in ogni singola uscita per la calibrazione del liquido, i comandi elettrici a 4 vie e comandi elettro-idraulici.
L’Art SC.2 è in grado di trattare 2 filari completi con larghezza da 2 a 3 metri e velocità di avanzamento a 6 km/h.
Il secondo nebulizzatore articolato, Spraymist.Art SC.3 ha le stesse caratteristiche del precedente modello, con una testata di erogazione scavallante a 3 calate con geometria variabile e sollevamento centrale e comandi elettrici a 4 vie, ed è in grado di trattare 3 filari completi con larghezza da 2 a 3 metri e velocità di avanzamento a 6 km/h.

MARANGON
Testata pieghevole per trince semoventi

Due le novità da segnalare in casa Marangon. La prima è una testata di taglio diretto pieghevole (Foldbar 6.16) ad alta performance con larghezza di taglio di sei metri per trincia semoventi.
Dotata di attacco centrale integrato nella scocca della testata adattabile alle più performanti trince semoventi presenti sul mercato, la Foldbar 6.16 presenta un gruppo falciante costituito da un interasse avanzato, permettendo una trasmissione indiretta agli ingranaggi, riducendo la potenza di trazione richiesta e lo sforzo e garantendo agli organi di movimento un’usura minima e un minimo surriscaldamento del gruppo stesso.
Chiudiamo con alcune delle caratteristiche tecniche principali della testata: larghezza di taglio 610 cm, larghezza di trasporto 320 cm, 32 coltelli, 16 dischi, peso 3.900 kg e potenza richiesta 150 cv.
La seconda novità in casa Marangon è la falciatrice portata Pendolare Soft Active, dotata della innovativa sospensione mediante accumulatore d’azoto, per un galleggiamento ottimale del gruppo falciante in qualsiasi condizione del terreno. La macchina è disponibile sui modelli 285 e 320 RCG & RCF, rispettivamente da 285 cm e 320 cm di larghezza di taglio.

MAROLIN
Decespugliatrice da contoterzisti

Tre le novità presentate da Marolin a Verona, prima fra queste la decespugliatrice idraulica posteriore M430 ARC STMX (S sta per kit pompa magnum, T per braccio telescopico, M per braccio modulabile e X per rotazione del braccio di 95°).
Studiata in particolare per contoterzisti che hanno bisogno di scavalcare siepi, vigneti e impianti di irrigazione, la serie ARC permette di effettuare il taglio di erba e arbusti fino a 3 cm di diametro e richiede trattori da 80 Cv.
Seconda novità è la decespugliatrice idraulica posteriore o frontale M530T2P (T2 sta per doppio braccio telescopico, P sta per Pergola) che permette all’operatore lo sfalcio di erba e arbusti, in spazi particolarmente ridotti, o scavallare siepi, vigne ecc.
Grazie alla tecnologia a bracci entrambi telescopici e con cinematismo a semi-parallelo¬grammo, la serie Pergola diventa una macchina estremamente professionale e compatta, decisamente un passo oltre.
Infine, la decespugliatrice idraulica serie Garden Trimmy Evo Aps (Advanced Parallel System) adatta al taglio di siepi e cespugli, da applicare a trattori con potenza di 18-30 Cv.

MARTIGNANI
La nuova frontiera delle impolveratrici

Tre modelli in evidenza nello stand dell’azienda romagnola. Il nebulizzatore elettrostatico Whirlwind M612 - Duo Wing Jet è, secondo Martignani, il primo e unico nebulizzatore agricolo che effettua il recupero del prodotto, combinando l’azione dell’attrazione elettrostatica tra vegetazione e microgocce polarizzate (+ -) con quella di due speciali schermi protettivi a cuscino d’aria allargato oltre il loro perimetro, senz’alcun riciclo di miscela antiparassitaria, con 99% di effetto anti-deriva e anti-residui chimici.
L’impolveratrice pneumatica elettrostatica MC 2 3P rappresenta una nuova frontiera nella lotta fitosanitaria, soprattutto nell’ambito dell’agricoltura biologica e biodinamica, dimostrando con l’effetto elettrostatico un recupero di zolfo del 29-30%, abbattendo drasticamente le vistose perdite per deriva nell’ambiente.
Il nebulizzatore elettrostatico Whirlwind M612 Multiflow Südtirol è un modello innovativo che eleva al massimo grado il controllo delle perdite per deriva nei trattamenti fitosanitari ai vigneti e frutteti moderni, anche con protezioni antigrandine, immersi nel tessuto rurale abitativo o prossimi a zone sensibili da salvaguardare.

MASCHIO
Seminatrici ad alta precisione

Tra le tante novità del gruppo di Campodarsego (Pd) ne evidenziamo tre. Presentato in anteprima mondiale ad Agritechnica 2017, Chrono è il nuovo elemento per la semina di precisione Gaspardo ad alta velocità, capace di aumentare di oltre il 50% la produttività. Questo elemento è dotato di un nuovo dosatore del seme in alluminio, ad azionamento interamente elettrico, ed è costituito da una camera che contiene il seme in ingresso, a lato della quale gira un disco alveolato sul quale viene spinto il seme. Lasciata la camera, il seme entra nel nuovo trasporto pneumatico che deposita il seme a terra.
Compagna è una seminatrice meccanica combinata con erpice rotante Delfino che consente di preparare il letto di semina e di seminare in un unico passaggio cereali, colza e erbai, ma può essere impiegata anche in frutteti e vigneti per l’inerbimento interfilare. Infine, con la nuova seminatrice monogerme ad alta precisione Magica Isotronic è possibile sfruttare a pieno tutti i 6 m di larghezza di lavoro: il nuovo telaio, infatti, è stato predisposto per essere regolato sia con interfila da 75 cm e 8 corpi di semina, per mais e barbabietola, sia con interfila a 45 cm e 12 corpi, grazie all’aggiunta rispettivamente di 2+2 elementi nelle sezioni più esterne.

MASSEY FERGUSON
Il frutteto largo all’esordio italiano

Due trattori e una rotopressa in evidenza nello stand Massey Ferguson a Fieragricola.
Per i trattori, innanzitutto il nuovo MF 3700 V-S-F-WF-GE propone un nuovo design accattivante e rinnovato, con 2 allestimenti (Essential ed Efficient). Il motore, 3,4 litri da 70 a 105 cv Stage 3B, vede il gruppo All-in-One posizionato ottimamente per la massima visibilità all’operatore, con un cofano tra i più bassi del mercato. Il nuovo modello WF, Frutteto Largo, sarà ideale col caricatore, in montagna e nel pieno campo.
I due nuovi trattori a tre cilindri della serie MF 5700 Global Series Dyna 4, da 85 e 95 Cv, aggiungono alla serie la celebre trasmissione semi-Powershift Dyna-4, con quattro cambi di marcia sotto carico, la funzione che mette in folle schiacciando il freno, l’AutoDrive e la sospensione della cabina. Chiudendo con le rotopresse a camera fissa o variabile MF RB, sono caratterizzate da unità di alimentazione con pick-up senza camme, sistema antibloccaggio, geometria della camera intelligente e rotori di taglio semplici o fino a 25 coltelli. La camera fissa, con 18 rulli e diametro balla da 1,25 m, per soluzioni semplici ed economiche, quella variabile per necessità più elevate e professionali fino a 1,6 o 1,8 m.

MDB
Trince a cingoli radiocomandate

L’azienda abruzzese presenta tre delle sue trince radiocomandate. La prima è rappresentata da un trattore cingolato con braccio telescopico dotato di testata con 2 dischi rasaerba interfilari (larghezza di taglio fino a 1 m) ad azionamento automatico per pulire intorno ai pali con velocità e senza stress per la pianta.
Green Climber LV300 è una macchina radiocomandata con trincia dotata di cingoli che può operare senza uomo a bordo su forti pendenze fino a oltre 60° in salita, in discesa e trasversalmente grazie al sotto carro cingolato allargabile e al peso contenuto. Green Climber è una macchina concepita per eseguire lavori di manutenzione di terreni erbosi, bordi stradali e autostradali particolarmente scomodi o pericolosi da raggiungere. Infine, il Green Climber LV600 è un trattore porta attrezzi innovativo per lavori in condizioni estreme: zone con forte pendenza e/o pericolose per l’operatore. Normalmente il Green Climber viene utilizzato con trinciasermenti, per la manutenzione del verde e pulizia dei cigli stradali e del sottobosco, ma grazie a una piastra di aggancio rapido può montare qualsiasi tipo di attrezzatura.

M. M.
Torretta a cannone per gli atomizzatori

M.M. presenta a Verona la linea rivisitata in alcuni piccoli dettagli tecnici delle macchine per il diserbo a vapore Eco GP, oramai un punto di riferimento per chi opera in colture biologiche e biodinamiche. I nuovi accorgimenti tecnici rendono la macchina più versatile e migliorano le prestazioni in campo.
L’attrezzatura si presenta sul mercato in tre versioni: portata, trainata e articolata. Si tratta di una macchina polivalente concepita per eseguire diverse tipologie di lavori che si possono riassumere nelle seguenti funzioni:
- diserbo a vapore
- disinfezione a vapore
- lavaggio ad alta pressione ad acqua calda.
Da segnalare, inoltre, la nuova linea Atp di atomizzatori portati con torretta a cannone, orientabile e fissa. Questa linea si contraddistingue per le sue dimensioni di ingombro ridotte e un rapporto qualità /prezzo tra i migliori della sua categoria. Disponibili con cisterne da 200-300-400 litri ed equipaggiati con pompe Annovi Reverberi, i nuovi Atp a cannone M.M. garantiscono elevate prestazioni e soprattutto permettono di operare agevolmente, visti gli ingombri minimi (80 cm di larghezza per il modello da 200 l).

M.O.M.
Seminatrice per la pacciamatura

Dalla collaborizione tra M.O.M e Claas Agricoltura nasce il nuovo Strip Hawk Planter. La naturale evoluzione di Strip Hawk Easy implementa la semina alla lavorazione a strisce.
In un’unica passata, ora si potrà preparare il letto di semina, interrare il fertilizzante a profondità variabile e seminare. La semina è effettuata da un elemento di semina Kinze Manucturing Serie 3000 con selezione meccanica del seme. Il grande vantaggio di Strip Hawk Planter è quello di una versatilità estrema: è, infatti, possibile utilizzare la macchina solo come strip tiller in fase di preparazione del terreno autunnale, in combinata quando si desidera effettuare le operazioni in maniera congiunta o solo come seminatrice di precisione quando necessario.
M.O.M presenta, poi, la rinnovata seminatrice su pacciamatura Imeon S4000. La semina viene realizzata tramite ruote meccaniche che praticano fori su film plastici o biodegradabili di dimensioni minime.
La simultanea stesura di film plastici o di cellulosa biodegradabile viene realizzata tramite ruote di appoggio e rulli che compattano il terreno e permettono una posa omogenea dello stesso.

NEGRI
Biotrituratori ad alte prestazioni

L’azienda mantovana concentra la sua offerta a Fieragricola su tre modelli in particolare, un cippatore e due biotrituratori.
Il cippatore C13 in versione con attacco a tre punti per trattore, prestante, compatto e con un ottimo rapporto qualità-prezzo, è l’ultimo modello a entrare nella gamma dei prodotti Negri. Grazie al suo sistema di taglio, è indicata per la triturazione di ramaglie di vario genere fino a un diametro massimo di 130 mm.
Il biotrituratore R240 è una macchina professionale compatta, dotata di rullo trascinatore idraulico, con due distinti sistemi di taglio per diversi rifiuti vegetali purché con diametro massimo di 9-10 cm: il primo, standard, è costituito da 4 lame e 16 martelli, adatto per la triturazione di materiale fibroso quale tiglio, carpine bianco ecc., il secondo in alternativa è un sistema di taglio con rotore a 33 martelli, che permettono anche l’introduzione di materiale non idoneo, come piccoli sassi, pietre, e terriccio. Infine, il biotrituratore R280 è una macchina professionale, di medie dimensioni, dotata di rullo trascinatore idraulico e fornita con due distinti sistemi di taglio che la rendono veloce e sicura nella triturazione di qualsiasi rifiuto vegetale fino a un diametro massimo di 15 cm.

NEW HOLLAND
Semi Powershift a 8 rapporti per il T6

Novità a tutto campo in casa New Holland anche in occasione di Fieragricola, che sostanzialmente riprendono quanto già visto ad Agritechnica 2017.
Partendo dai trattori, la novità più importante riguarda la serie T6, che si arricchisce con il nuovo T6 Dynamic Command, un trattore multiuso universale. I nuovi T6.145, T6.155, T6.165 e T6.175 sono gli unici, riferisce New Holland, dotati di trasmissione Semi Powershift a 8 rapporti in questo segmento.
A Verona New Holland ripresenta anche la nuova serie T4S, appositamente progettata per soddisfare le esigenze delle aziende zootecniche e delle piccole aziende agricole miste. Sempre in tema di trattori, New Holland lancia la sua innovativa trasmissione a variazione continua Auto Command sulla sua gamma di trattori di punta, la Serie T9. Passando alle mietitrebbie, New Holland ha voluto rimarcare la supremazia della mietitrebbia più capiente del mondo, presentando la CR Revelation, con un sistema di gestione dei residui riprogettato, il miglioramento della regolazione del flusso del prodotto e un ulteriore aggiornamento della potenza. Per quanto riguarda le trince, a Verona sarà presente la nuova ammiraglia FR920 Forage Cruiser.

NOBILI
Irroratrice a diffusori multipli orientabili

Difesa in primo piano nello stand Nobili a Fieragricola, con tre novità specifiche.
A partire dalla nuova irroratrice Oktopus Boom Pro con diffusori multipli orientabili per trattamenti anche dal basso verso l’alto, montati su barra idraulica da 14 metri di nuova produzione.
Oktopus Boom Pro, sottolinea la casa bolognese, è l’irroratrice ideale per trattamenti a pieno campo su colture erbacee e vivaistiche poste in file e trova piena applicazione nei trattamenti delle barbatelle di vite.
La nuova irroratrice scavallante Ventis FF-PRO, invece, è ideale per trattamenti a basso volume su vigneti ed è in grado di trattare contemporaneamente tre filari con larghezze variabili da 2 a 3,5 metri in un solo passaggio.
La principale novità consiste nella serie di movimenti della testata posteriore.
Movimenti che permettono di aprire e chiudere le calate anche all’interno dei filari.
Infine, da segnalare in ambito trincia, il modello forestale Nobili NF 2000, adatto a lavori di disboscamento, pulizie dei sottoboschi e aree incolte con presenza di cespugli e rovi di grandi dimensioni.

OLIMAC
Piatti spannocchiatori ammortizzati

Anche in occasione di Fieragricola, l’azienda piemontese presenta i suoi ultimi aggiornamenti riguardanti la sua famosa testata Drago, rappresentati in primis da Drago GT, la nuova testata mais di Olimac, con caratteristiche brevettate, che si affianca a Drago2, il noto ”spannocchiatore intelligente”. Una delle caratteristiche più innovative di questa testata sono i piatti spannocchiatori ammortizzati a regolazione automatica, dotati cioè di uno speciale dispositivo che attutisce l’impatto delle pannocchie sui piatti stessi, e il doppio trinciastocchi effetto forbice che consente un doppio sminuzzamento degli stocchi e una trinciatura molto più fine rispetto a quella di tutti gli altri trinciastocchi.
Inoltre, Olimac ha recentemente presentato DragoGold, la prima testata girasole-sorgo dotata di una meccanica super-performante che determina più potenza, più robustezza e un raccolto totale senza perdite. DragoGold è l’unica testata girasole dotata di due frizioni su ogni gruppo fila: queste protezioni consentono di prevenire sovraccarichi sulla trasmissione e salvaguardare ogni elemento fila. Un’altra caratteristica esclusiva di DragoGold è il trinciastocchi incorporato (optional).

ORTOLAN
Trinciasarmenti d’avanguardia

Tre le macchine di punta presenti nello stand dell’azienda vicentina. L’erpice pieghevole Gemini 1 (per trattori da 80 a 150 Cv), presenta come caratteristiche: rotori portadenti circolari antingolfamento, cunei parasassi, denti a coltello a basso assorbimento di energia, regolazione rapida del rullo, rullo flottante a regolazione rapida, ingombro laterale ridotto alla larghezza di lavorazione.
La trinciasarmenti laterale Serie T70 (per trattori da 40 a 60 Cv) presenta telaio in acciaio doppio con controcoltello, moltiplicatore con ruota libera, rullo posteriore autopulente, trinciatura di erba, sarmenti e ramaglie fino a 3-4 cm di diametro, spostamento laterale idraulico, cilindro inclinazione flottante, biella secondo punto flottante antiurto. Come equipaggiamento standard, si segnalano: moltiplicatore di velocità di serie 540 giri/min (giri rotore 2.160 giri/min), rullo posteriore ø 140 cm, attacco trattore di 2^ categoria, slitte regolabili e tre cinghie di trasmissione.
Infine, la zappatrice fissa H/C (per trattori da 50 a 130 Cv) presenta trasmissione a ingranaggi in bagno d’olio, tenute cuscinetti rotore anfibie in bagno d’olio, rotore a sei zappe per flangia maggiorato ø 101,6 spessore 10 mm, telaio in acciaio doppia scocca.

PELLENC
Forbici professionali e batteria innovativa

La nuova batteria ULiB1500, certificata IP54, è progettata e realizzata per rispondere alle esigenze professionali più specifiche in materia di ergonomia, prestazioni ed efficienza. Il peso ridotto e la compattezza assoluta, permettono di lavorare con la massima libertà di movimento durante ogni operazione. Ergonomia e semplicità di trasporto totali, possibili anche grazie al nuovo zaino brevettato, che dispone di una struttura totalmente riprogettata in modo da non ostacolare mai i movimenti dell’operatore.
Le forbici professionali a batteria Vinion-Prunion per la potatura, sono dotate di ioni di litio Pellenc e assicurano autonomia e libertà di movimento totali; grazie alle due batterie disponibili, 150 e 250, l’operatore può scegliere l’accoppiata più adatta per il proprio lavoro.
Il grilletto ottico che rileva la presenza del dito e il taglio progressivo assicurano sempre un controllo totale della lama, per una sicurezza ed una precisione di taglio ineguagliabili. Ben 4 diverse modalità di funzionamento, impostabili direttamente dalla batteria, permettono di scegliere sempre quella più adeguata per la tipologia di lavoro in corso.

PEZZOLATO
Cippatore a tamburo semovente

Per quanto riguarda la linea biomassa, l’azienda cuneese presenta a Verona il cippatore a tamburo semovente All Road, con mobilità massimizzata dalle quattro ruote motrici, tutte sterzanti, che permettono tre possibili modalità di sterzatura.
Il tamburo chiuso Pezzolato, noto per affidabilità e durata senza necessità di manutenzione, è stato progettato per garantire cippato di qualità di qualsiasi dimensione. La ventola di espulsione del cippato con variazione continua della velocità consente di adeguarne il regime alle effettive necessità riducendone il consumo energetico e la produzione di cippato troppo fine per ripartire meglio lo sforzo della macchina.
Per quanto riguarda la linea legna da ardere, Pezzolato presenta una macchina combinata per tronchi di grosso diametro VSP 60.60, completamente idraulica con comandi manuali. Sistema di taglio a catena per diametri fino a 600 mm e lunghezza di taglio massima fino a 500 mm.
Solida catena di alimentazione lunga 2.000 mm. Tavolo a rulli motorizzati per il trasferimento dei ceppi tagliati. Stazione di spacco verticale con cuneo spaccalegna ricurvo e 4 coltelli orbitali supplementari per ottenere 5 ceppi spaccati a ciclo. L’ altezza massima di spacco è 500 mm per diametri che vanno fino a 700 mm.

REPOSSI
Ranghinatore a doppia stella

Tre i ranghinatori presentati dall’azienda pavese in quel di Verona. Il ranghinatore frontale a pettini 90/5 è perfetto per ranghinare in montagna; molto compatto, sposta il foraggio prima del passaggio del trattore, abbattendo l’inquinamento e il danneggiamento del foraggio. L’uso frontale consente una posizione ergonomica a vantaggio della sicurezza, soprattutto pendenza. È disponibile con diverse larghezze di lavoro tra 2,30 e 4,00 m, con soluzioni intermedie a 2.60 e 2.90 metri.
Il ranghinatore a pettini portato idraulico 6000FP frontale/posteriore realizza un’andana centrale, ha una larghezza di lavoro di 6 m con una lunghezza di soli 2.50 m. Può essere utilizzato sia anteriormente, con tutti i vantaggi della ranghinatura frontale, sia posteriormente. È disponibile nelle varianti da 5,40-6-7,50 m.
Infine, l’innovativo ranghinatore stellare a doppia stella Ra-Rake che produce foraggio di alta qualità, a velocità elevate e con basso investimento iniziale. Tecnologia brevettata che consente di abbattere il contenuto di ceneri all’1,8% e ridurre i consumi energetici del 40%, Ra-Rake aumenta inoltre la velocità di lavoro (più di 20 km/h).

RICOSMA
Atomizzatori che guardano al vigneto

Due gli atomizzatori di punta presenti nello stand dell’azienda vicentina. L’atomizzatore per recupero prodotto Zephir è stato realizzato per effettuare trattamenti su vigneti, riducendo l’impatto ambientale e ottimizzando i trattamenti con la minima dispersione di prodotto.
Zephir permette di lavorare due filari completi per ogni transito con larghezze variabili da 200 a 320 cm. Il sistema elettronico di gestione delle paratie permette la memorizzazione del loro assetto in fase di lavoro e chiusura automatica se necessaria per la manovre di fine filare.
L’atomizzatore scavallante bi-fila Mig 24 ZP consente di trattare due filari completi di vigneto con larghezze da 210 a 270 cm.
Il sistema doppio di sterzata permette un raggio di sterzata molto contenuto facendo sì che l’atomizzatore sia in grado do seguire la traiettoria della curva disegnata dal trattore nelle manovre di fine filare, come un trenino agganciato a una locomotiva.
Il sistema di chiusura dei bracci rende la macchina estremamente compatta e ben manovrabile anche fuori campo.

ROC
Andanatore rivoluzionario

Nello stand dell’azienda romagnola si segnalano due modelli in particolare.
Il raccogli-andanatore RT 870 è composto da 3 elementi, per una larghezza di lavoro di 8,7m e una di raccolta di 7,6 m. Questo modello ha la possibilità di scaricare i tre nastri da entrambi i lati, o due nastri da un lato e uno dall’altro; inoltre, il nastro dell’elemento centrale può essere sfilato per formare una andana centrale dopo aver sollevato completamente il prodotto. Questa versione può lavorare solo con i tre elementi aperti ed è richiudibile per il trasporto su strada a una larghezza di 2,55 m.
L’andanatore RT 630 è simbolo di un rivoluzionario concetto di ranghinatura, composto da 2 elementi, con una larghezza di lavoro variabile che va dai 4,90 m ai 6,30 m grazie a un sistema di doppio bilanciere idraulico che permette di variare la distanza tra i due pick up. Con i pick up attaccati può scaricare un nastro a destra e uno a sinistra oppure entrambi a destra o a sinistra, mentre con i pick up allargati può creare un’andana al centro, o da entrambi i lati, o al centro e a sinistra o al centro e a destra. Il raccogli-andanatore è richiudibile per il trasporto su strada a una larghezza di 2,50 m.

SDF
Mietitrebbia, 395 Cv in Stage IV

Novità per tutti i tre marchi di casa Sdf. Nel comparto mietitrebbie Deutz-Fahr la Serie C9300 si presenta a Fieragricola con motori Mercedes-Benz da 340 Cv e 395 Cv Stage IV.
Per i trattori da campo aperto, il marchio tedesco lancia i modelli 9340 TTV e 7250 TTV in speciale edizione limitata Warrior.
Spark e Mach: questi i “fiori all’occhiello” Lamborghini trattori della gamma da campo aperto presenti a Verona, tutti con motorizzazioni a 4 o 6 cilindri Stage IV, che coprono una gamma da 120 a 250 cv. Lamborghini aggiorna, inoltre, la gamma Strike TB, confermando la polivalenza di questa gamma, ora però con motori più potenti (fino a 115 cv) e un più elevato contenuto tecnologico. Same, infine, rinnova la storica gamma Argon: disponibile in 4 modelli, versioni a 2 e 4 RM, si contraddistingue per la multifunzionalità dei suoi modelli, equipaggiati con propulsori FARMotion di ultima generazione da 65 a 97 cv, conformi al livello Stage III B con la sola adozione del catalizzatore Doc.
La gamma di trattori specialistici Same Frutteto si arricchisce ora di nuove funzionalità idrauliche studiate appositamente per utilizzi in vigneto. Chiudiamo con i nuovi Virtus, dotati dei moderni motori FARMotion Stage IV.

STIHL
Motosega nel segno della leggerezza

Per Stihl il 2018 si apre all’insegna di importanti novità. La prima riguarda il prodotto che da oltre 90 anni rappresenta il core business dell’azienda: la motosega MS 462 C-M, che andrà a sostituire la MS 441 C-M e MS 461, e presenta diversi vantaggi per l’utilizzatore.
Primo fra tutti, la leggerezza; è infatti la motosega professionale più leggera nella classe da 70cm³ di cilindrata.
Stihl da diversi anni è in prima linea anche nel mercato edile e recentemente ha lanciato sul mercato italiano la nuova TS 440, la prima troncatrice al mondo, riferisce Stihl, progettata per fermare, in caso di contraccolpo, la rotazione del disco quando la protezione è in posizione aperta con esposizione della parte superiore del disco. Infine, le novità del mondo Stihl coinvolgono anche i tosaerba.
Primo importante cambiamento nel layout; il colore infatti riprende il classico colore arancione Stihl abbandonando il verde da sempre simbolo dell’azienda austriaca Viking.
Sono otto i nuovi modelli di tosaerba a batteria Stihl, uno fra questi è l’RMA 339 C.

TECNOVICT
Sfogliatrice computerizzata

L’azienda piacentina presenta a Verona due delle sue ultime innovazioni, a partire dalla 111AA Wi-Fi, prima macchina sfogliatrice al mondo, sostiene Tecnovict, dotata di controllo computerizzato di tutti i parametri di funzionamento (accostamento automatico alla superfice della chioma e regolazione della intensità) di sfogliatura.
La 111AA è stata integrata con sistema Wi-Fi che può comunicare con la rete aziendale o con uno smartphone, dai quali è visibile sia la autodiagnostica sia la schermata di lavoro della macchina. A bordo del modulo è presente anche un ricevitore Gps che permette la tracciabilità del lavoro svolto.
La seconda macchina, chiamata Schiumone, è un rivoluzionario sistema di diserbo termico a schiuma calda ecologico. La schiuma calda deposta sull’erba ne porta la temperatura oltre i 60°C e provoca la denaturazione delle proteine, con conseguente disseccamento dell’erba in qualche giorno. L’efficacia è indipendente dalla velocità di lavoro. La caratteristica attuale è quella di impiegare la velocità operativa di 4 km/h per la fila intera. La quantità di acqua necessaria è molto limitata, da 500 a 600 litri/ha, e lo schiumogeno impiegato è biodegradabile.

TIFERMEC
Decespugliatrici di nuova generazione

L’azienda perugina presenta a Verona la sua serie di decespugliatrici FR. I modelli F hanno le seguenti caratteristiche principali: distributore con leva di antinversione, motore in ghisa, funzionamento della testata bidirezionale, sistema flottante di autolivellamento al terreno e ammortizzatore meccanico.
Nei modelli G-L-P-K si segnala anche il dispositivo oleodinamico di sicurezza, mentre i modelli K dispongono di serie dell’albero cardanico. Opzionali sono lo scambiatore di calore e il comando elettroproporzionale o elettroidraulico con joystick.
Le decespugliatrici FR possono essere attrezzate con barra tagliasiepi, troncarami, barra dischi, fresa fossi e scavafossi.
La testata ha una larghezza di lavoro compresa fra 600-800 mm (modelli G), 800-1.000 mm (modelli L), 1.000-1.300 mm (modelli P)
Il peso dell’attrezzatura è crescente dai modelli FR 300 G da 380 kg fino ai 1.100 kg dell’FR 650 P. Stesso ragionamento si può fare per la richiesta di potenza del trattore che varia dai 70 Cv minimi necessari per i modelli G fino ai 200 Cv richiesti dall’ammiraglia del modello P.

VOGELSANG
Distribuzione precisa per i liquami

Aumentare la capacità di trasporto è da sempre uno degli obiettivi principali per chiunque si occupi di liquami. Grazie alle nuove pompe della serie VX, Vogelsang viene in aiuto di tutti gli operatori consentendo di risparmiare fino a 122,5 kg di peso rispetto a una pompa di pari portata con elementi in ferro.
Per renderlo possibile, il corpo pompa e l’alloggiamento dei lobi sono realizzati in alluminio, materiale che assicura una sostanziale riduzione di peso pur senza penalizzare la durata nel tempo.
La seconda novità riguarda ancora il settore dei liquami ed è rappresentata dal DosiMat DMX, un nuovo distributore di precisione che si va ad aggiungere ai DosiMat VLX e alla serie ExaCut. Infine, il controllo dei flussi su seminatrici e spandiconcime rappresenta un settore del tutto nuovo nella moderna agricoltura.
Vogelsang vi entra grazie al suo FPM (Flow Performance Monitor), già pluri-collaudato nel settore dello spandimento liquami. Grazie a esso, l’operatore è immediatamente avvertito se una delle tubature dovesse ostruirsi, per esempio a causa di un corpo estraneo presente nei reflui di lavorazione.

ZAGO
Semoventi motorizzati Volvo

L’azienda padovana rinnova la linea dei semoventi verticali studiata per le aziende di medio-grandi dimensioni con la linea Avm Wolf Avant disponibile da 15 a 30 m³.
La serie è equipaggiata con i nuovi motori PFT e Volvo Tier IV Final 4 cilindri. Numerose le novità: sospensioni oleo-meccaniche multi link Soft Touch, trasmissione meccanica Zago-MechDrive con frizione elettroidraulica a secco, l’esclusivo riduttore fresa VB che consente prestazioni di carico ineguagliabili, cabina “elegance”.
A Verona Zago presenta anche la nuova generazione di carri trincia-miscelatori a miscelazione orizzontale King Lion Avant: un prodotto di alta qualità ad elevate prestazioni dagli 11 ai 30 m³. La serie è fornita con i nuovi motori Fpt e Volvo Tier IV Final 4 cilindri con Adblue conformi alla normativa attualmente vigente sulle emissioni, e presenta importanti innovazioni tecnologiche: sospensioni oleo-meccaniche multi link Soft Touch, trasmissione meccanica Zago-MechDrive con frizione elettroidraulica a secco, l’esclusivo riduttore fresa VB che consente prestazioni di carico ineguagliabili, cabina “elegance”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome