Agriges, fertilizzanti sostenibili per una viticoltura di qualità

fertilizzanti sostenibili
A Nova Agricoltura in vigneto Agriges presenta la sua strategia per la corretta nutrizione del vigneto, dalla concimazione di fondo all’applicazione di bioattivatori e induttori di resistenza

Da trent’anni Agriges produce fertilizzanti speciali per agricoltura biologica e integrata. La ricerca è al centro della politica aziendale ed è per questo che il marchio campano vanta due laboratori interni e un gruppo di sperimentatori di campo: Agriges Field Technical Service (FTS). Inoltre, l’azienda collabora con enti di ricerca, centri di saggio, università, cooperative e aziende agricole per sviluppare prodotti sicuri e sostenibili che massimizzino i risultati produttivi delle colture, riducendo l’utilizzo di prodotti chimici e potenzialmente inquinanti.
Ogni prodotto Agriges nasce nel rigore dell’indagine scientifica, nel rispetto dell’ambiente e dell’operatore ed è la risposta pratica a specifiche problematiche di campo.
Inoltre, Agriges presta particolare attenzione ai nuovi contaminanti evidenziati da diversi attori della filiera agroalimentare e in particolare dalla Gdo, per trovare soluzioni che incontrino le necessità di tutta la filiera, con la massima attenzione alla salvaguardia dell’ambiente. Così nasce il progetto Agriges Green Path, che mira a fornire mezzi tecnici che consentano di ottenere produzioni abbondanti, poco impattanti sull’ambiente e sicure per l’uomo.

Strategia per la corretta gestione nutrizionale del vigneto

Petro Speciale Vite è una linea di concimi organici pellettati a base di sostanza organica altamente umificata, maturata naturalmente negli stabilimenti aziendali e senza l’utilizzo di forni o fonti di calore esterne.
Per ottenere un abbondante e uniforme germogliamento, Agriges consiglia, l’applicazione di Cynoyl Z Special durante la fase di gemma cotonosa. Si tratta di uno zolfo proteinato al 42,4% (p/v) che tutela l’ambiente e il consumatore. Non contiene molecole di sintesi inquinanti ed è un potente bioattivatore e induttore di resistenza delle piante.
Per aumentare la resistenza a stress esogeni della vite c’è Cynoyl R, fertilizzante liquido a base rame (34,7% p/v), arricchito con zinco e manganese ad applicazione fogliare che aumenta l’attività fotosintetica e stimola le naturali difese della pianta contro agenti dannosi.
Per l’allungamento del rachide ecco Maral NPK, crema d’alghe estratte attraverso l’esclusiva tecnologia RyZea, che prevede l’estrazione di  molecole bioattivanti da tre alghe: Ascophyllum nodosum, Fucus spp. e Laminaria spp., originarie dell’oceano Atlantico e raccolte nella fase del loro ciclo in cui è massima la concentrazione di composti fitostimolanti. Il prodotto è poi arricchito da fenilpropanoidi (precursori dell’acido salicilico) e dotato di un equilibrato rapporto tra azoto (7,5% p/v), fosforo (6,2% p/v) e potassio (6,2% p/v), con aggiunta di zinco (1,2% p/v).


Per informazioni:
visita il sito di Agriges


In campo con Nova Agricoltura in Vingeto

Per saperne di più partecipa all’evento in campo organizzato da Edagricole in collaborazione con Crea e Federunacoma. La manifestazione si terrà il 6 giugno all'azienda agricola sperimentale Crea - Centro di ricerca viticoltura ed enologia "Calle di Busco" a Spresiano (TV).

Agriges, fertilizzanti sostenibili per una viticoltura di qualità - Ultima modifica: 2019-05-22T17:02:22+00:00 da nova Agricoltura

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome